Nathan Fake ci racconta la sua collezione di dischi