Anche i grandi hanno bisogno della favola della buonanotte, possibilmente sanguinolenta