Oleg Oprisco, quadrati di meraviglia