Se la macchina da scrivere diventa una tavolozza