Ben Gore ha immaginato gli artisti grime del momento come carte Pokémon